Insuperabili: i Supereroi dell’integrazione

0
56
Insuperabili: Cartocampioni nel disegno di Mattia Simeoni

Insuperabili è una Onlus che nasce a Torino nel 2012, ispirandosi ad una realtà analoga nata in Inghilterra: Football for Disabled. Il progetto vede lo sport, in particolare il calcio, come strumento di inclusione e sviluppo per bambini e ragazzi con disabilità di qualunque tipo: cognitiva, relazionale, motoria e sensoriale.

Il progetto coinvolge disabili minori: da 4 a 18 anni, disabili adulti: da 19 a 50 anni, utenti di centri diurni, centri di salute mentale, cooperative, e coinvolge e supporta i genitori dei ragazzi.

Mettiamo in pratica le parole

L’associazione parte dall’art. 1 della Carta Internazionale per l’Educazione e lo Sport, UNESCO 22/11/1979: “La pratica dell’educazione fisica e dello sport è un diritto fondamentale per tutti. Ogni essere umano ha il diritto fondamentale di accedere all’educazione fisica e allo sport, che sono indispensabili allo sviluppo della sua personalità”.

Seguendo le indicazioni dell’Onu nella Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, del 2007, Insuperabili mira a utilizzare lo sport come strumento di inclusione e socializzazione, per portare miglioramenti a livello della salute fisica e psichica, migliorando così la qualità della vita di ogni atleta.

Leggi: la storia della disabilità in Italia e in Europa

Il calcio positivo

Il calcio viene insegnato secondo un modello di rispetto, correttezza e spirito di squadra, attraverso obiettivi individualizzati sulle esigenze di ogni ragazzo, la pianificazione degli allenamenti e l’utilizzo di tecnologie all’avanguardia come video, schede di valutazione e schemi di miglioramento.

La proposta sportiva si è allargata nel corso degli anni e Insuperabili oggi ha i suoi riferimenti sportivi in undici città Italiane sparse da nord a sud. Gli atleti sono misti e maschi e femmine crescono e si allenano insieme.

Lo staff prevede una componente medico-psicologica e una componente tecnica, ciascuna con le proprie peculiarità e professionalità che si integrano e collaborano nel corso della preparazione atletica dei ragazzi.

Insuperabili e i Cartocampioni

Insuperabili ha una modalità di autofinanziamento molto particolare: attraverso un disegnatore propone di diventare un ‘cartocampione’: si inviano delle foto e il disegnatore Mattia Simeoni le trasforma in fumetto, che può essere utilizzato per personalizzare magliette, tazze, penne e qualunque oggetto. L’insieme dei cartocampioni formano la squadra di Insuperabili, di cui il principale testimonial è Giorgio Chiellini. Insuperabili è anche un fumetto: un progetto a scopo benefico con i testi di Fabio Accattino e i disegni di Mattia Simeoni.

I fumetti Insuperabili

Il Fumetto degli Insuperabili vuole cercare il maggiore coinvolgimento possibile di adulti e piccini, vuole trasmettere il valore dell’inclusione e della solidarietà e soprattutto vuole far capire che ognuno è un supereroe e che la disabilità può essere affrontata con un occhio ironico, con il coraggio di chi vuole crescere e non lasciarsi andare. Le storie di vita quotidiana vengono condivise e raccontate con leggerezza.

Progetti Insuperabili

Insuperabili è anche centri estivi per bambini e ragazzi: In Super Camp, dove in una cornice di villeggiatura si può praticare vela, calcio, nuoto, basket e pallavolo. Insuperabili è anche tra i banchi di scuola, per promuovere la comunicazioni tra disabili e normodotati, per promuovere la conoscenza, lo sport inclusivo, per combattere il pregiudizio e la paura. Insuperabili è anche inserimento lavorativo di ragazzi disabili, con l’acquisizione di abilità, capacità sociali, autonomie in modo da favorire un approccio positivo alla vita che parte dal senso di utilità del proprio essere nel mondo. Insuperabili è anche laboratori di condivisione: Giocostorie, Multisensoriale, Giochi da Tavolo, Realtà Virtuale.

Tutto questo e molto altro si può trovare sul loro sito internet e sarete facilmente convinti che, qualsiasi cosa vi possiate inventare, loro saranno sempre INSUPERABILI!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here