Il fondatore di Amazon crea un fondo di 10 miliardi di dollari per combattere i cambiamenti climatici

Un importante impegno per la salvaguardia dell'ambiente quello di Jeff Bezos, spinto dall'obiettivo di tutelare il mondo da tutti noi condiviso.

0
623

Jeff Bezos, multimiliardario fondatore di Amazon, ha appena istituito un fondo che erogherà sovvenzioni a enti di beneficenza e a soggetti impegnati nella lotta contro la crisi climatica.

Il fondo

Il fondo si chiama Bezos Earth Fund e inizierà a distribuire 10 miliardi di dollari sotto forma di sovvenzioni a gruppi ambientalisti a partire da questa estate.

Il cambiamento climatico è la più grande minaccia per il nostro pianeta“, ha scritto Bezos sul post di Instagram in cui ha fatto l’annuncio. “Voglio lavorare insieme ad altri sia per amplificare i modi conosciuti sia per esplorare nuovi modi di combattere l’impatto devastante del cambiamento climatico su questo pianeta che condividiamo tutti”.

Questa iniziativa globale finanzierà scienziati, attivisti, ONG, qualsiasi sforzo che offra una reale possibilità di aiutare a preservare e proteggere il mondo naturale”.

Possiamo salvare la Terra“. “Intraprenderà azioni collettive da parte di grandi aziende, piccole aziende, stati nazionali, organizzazioni globali e singoli individui. Sto impegnando $ 10 miliardi per iniziare e inizierò a concedere sovvenzioni questa estate. La Terra è l’unica cosa che tutti abbiamo in comune: proteggiamola insieme”.

Notizie dettagliate sul fondo mancano al momento, ma fonti di Amazon hanno confermato l’istituzione del fondo a The Verge, aggiungendo che Bezos non offrirà nessuna sovvenzione al settore privato, ma solo a enti di beneficenza.

L’impegno di Amazon per l’ambiente

Questa è solo una delle numerose iniziative che Bezos e Amazon hanno intrapreso per incoraggiare la sostenibilità; solo questa settimana, Bezos ha lanciato una nuova flotta di risciò completamente elettrici in India, aggiungendo alla flotta globale di veicoli elettrici per la consegna dell’azienda.

Amazon già si affida ai combustibili fossili per alimentare aerei, camion e furgoni per spedire miliardi di articoli in tutto il mondo.

A settembre è diventata la prima azienda a firmare il Climate Pledge: un impegno che invita i partecipanti a raggiungere zero emissioni nette di carbonio tra le loro attività entro il 2040, un decennio prima dell’obiettivo dell’Accordo di Parigi del 2050.

Christiana Figueres, ex capo delle Nazioni Unite per i cambiamenti climatici e partner fondatore di Global Optimism ha dichiarato “I passi coraggiosi delle grandi aziende faranno un’enorme differenza nello sviluppo di nuove tecnologie e industrie per sostenere un’economia a basse emissioni di carbonio“. “Con questo passaggio, Amazon aiuta anche molte altre aziende ad accelerare la propria decarbonizzazione. Se Amazon può fissare obiettivi ambiziosi come questo e apportare cambiamenti significativi alla sua portata, riteniamo che molte più aziende dovrebbero essere in grado di fare lo stesso e accettare la sfida. Siamo entusiasti di avere altri partecipanti.

Bezos, come Bill Gates e Warren Buffett, è entrato così a far parte di quei milionari che decidono di mettere a disposizione dell’ambiente o di chi ha bisogno parte delle proprie risorse.

Nel 2018, ha creato un altro fondo, impegnando 2 miliardi di dollari del proprio denaro per aprire scuole materne in quartieri a basso reddito e dare soldi a organizzazioni non profit che aiutano le famiglie di senzatetto.

Bezos, fondatore di Amazon ben 25 anni fa, ha una partecipazione nell’azienda che vale oltre 100 miliardi di dollari.

Commenti